GoogleOgni sito web vive dai servizi che offre e dalla pubblicità che riesce a trasportare ai propri visitatori. Questa pubblicità puo' essere pagata o per le sole visualizzazioni, o per i click che la gente fa sui banner oppure per le cose che i visitatori arrivati dal nostro sito "combinano" sui siti di chi ha commissionati determinate campagne pubblicitarie.

Fino al 2004 c'erano alcuni circuiti pubblicitari che raggruppavano siti con una notevole mole di visitatori, mentre per gli altri siti c'erano solo le briciole. Portalino riusci ad essere incluso per piu' di un'anno nel circuito dell'agenzia pubblicitario milanese Clickit.

Poi Google cambio' le regole e fece quasi piazza pulità di quello che "c'era prima".

EuroregioneDopo i primi anni di assestamento della rete e dopo la crisi dell'undici settembre, analizzammo quali potrebbero essere degli argomenti validi da proporre al nostro pubblico, arrivato ormai al migliaio di persone al giorno. Tutti i portali fatto fino a quel tempo o erano dei portali globali (p.es. il portale bancario) o inerenti specifiche attività economiche.
Il numero elevato di news prodotte ci fece pensare ad un nuovo modo di raggruppamento di queste notizie in un portale che raggruppasse un certo numero di popoli con interessi molto vicini.

Openaccount.atL'undici settembre ebbe delle grosse conseguenze sul web, in quanto il fatto era talmente eccezionale, da non poter prevedere cosa fare nei prossimi mesi. Con questa frase mai detta, ma pensata da tutti, il web ebbe un grosso momento di crisi, in quanto i budget si fermarono allla fine del 2001. Nessuno investiva più nel virtuale.

In questa crisi che sembrava senza uscita, Netzapping concluse i siti web di 2 banche (Banca Azzoaglio e BCC Suasa) e poi cerco' di inventare dei servizi di advertising, avendo Portalino già un numero rilevante di visitatori. In qualche mese furono contattati 140 responsabili organizzativi e/o di sistemi informativi di altrettante banche italiane. La proposta consisteva in un servizio chiamato "Openaccount.at" (apri il conto presso), che dava la possibilità di inserire su Portalino i propri banner e le proprie news, che restavano poi per mesi in un riquadro apposito in home page.

PHP NukeUn simpatico venezuelano di origine italiana, Francisco Burzi, ebbe l'idea di usare il linguaggio PHP per creare un applicativo che aiutasse i webmaster per la creazione di siti professionali, con tanto di backoffice e frontend, dove inserire nuovi contenuti in modo facilitato e controllato e poi gestirli, impaginandoli oppure arricchendoli con diversi media, da foto fino a filmati. Dopo le prime versioni di test, i primi siti iniziarono a vedersi nel 2001.

Netzapping aderì con entusiasmo a questa piattaforma e migrò il suo sito principale (www.portalino.it) alla fine del 2002. Contemporaneamente iniziò anche a commercializzare questo nuovo prodotto, creando una decina di siti multilingue in diverse realtà aziendali.

Per vedere il portafoglio completo dei siti, clicca qui.

Libro webbankingDopo cinque anni di esperienze bancarie sul web al più alto livello, dopo aver monitorato centinaia di banche in arrivo nella webosfera ed aver avuto qualche decina di interventi in vari convegni e aver scritto decine di articoli sul Sole 24ore, Credito Cooperativo, BancaMatica e su altri giornali fisici e virtuali, in diverse lingue, a Miran Pecenik venne chiesto si intraprendere la scrittura di un libro che descrivesse le cose che ha visto e sentito durante questi anni.

L'esperienza fu unica: prendendo un vecchio PC portatile IBM in bianco e nero, su un'amaca in campeggio in Istria nacque "Webbanking - indagine alla scoperta delle banche italiane in rete", edito da Edizioni Giuridiche Simone. L'uscita del libro venne presentata in una affollata conferenza stampa all'Area Science Park di Trieste.

L'anno dopo venne preparato il secondo libro, "Trading online", con l'aiuto di Silvio Porcellana e di Micaela Quaresima.

Twitter news

Facebook news

Must Links

C.Vitae
P. Iva : 01123460329

About

Leggi il disclaimer e gli altri documenti descrittivi del sito.

Nota: Il software è constantemente aggiornato per impedire falle di sicurezza.